Verona corre per le donne

Al via di We Run – Libere di correre oltre alla maratoneta Eliana Patelli, anche agli assessori Filippo Rando e Francesca Briani, a sottolineare l’importanza di sensibilizzare su un tema così attuale. 

Le previsioni del tempo avverse, la pioggia e il vento avrebbero potuto scoraggiare anche i più stoici. Ma niente ha potuto fermare gli oltre 1.100 partecipanti – uomini, donne e bambini – che domenica 24 novembre hanno preso parte a We Run – Libere di correre, il più grande evento a Verona contro la violenza sulle donne.

Prima della partenza il saluto dell’Assessore Rando e un commosso ma doveroso ricordo a Roberto Puliero che proprio due anni fa aveva aperto la manifestazione, dando un forte segnale alla città che tanto amava. Quindi un fiume di runner e camminatori ha invaso il percorso che dal Bottagisio Sport Center è arrivato fino al Ponte di Castelvecchio, nel cuore della città.

Giunto alla quarte edizione e organizzato dall’associazione Angels in Run con il patrocinio del Comune di Verona, We Run – Libere di correre non nasce come un evento sportivo classico ma come un movimento di persone, di qualsiasi genere e appartenenza, che si uniscono per scardinare stereotipi e accendere luci sul tema della violenza sulle donne. Per dare risposte concrete attraverso reti di aiuto.

Parte del ricavato infatti sarà donato a due associazioni molto attive a Verona, Protezione della Giovane e D-Hub, a sostegno di altrettanti progetti concreti dedicati a donne in difficoltà.

Significativa anche la presenza della maratoneta bergamasca Eliana Patelli, che per il secondo anno consecutivo ha aperto la manifestazione portando un’importante testimonianza. Perché smettere di subire violenza è possibile, ma la motivazione può partire solo da chi quella violenza la subisce. Ed Eliana Eliana Patelli lo sa bene perché proprio grazie alla corsa è riuscita a liberarsi da un amore malato e a rinascere.

We Run – Libere di correre non sarebbe stato possibile senza il prezioso contributo di due main sponsor come VELUX e Specchiasol, oltre al sostegno di Naturasì, Mediaprint, Venplast. Grazie anche a Bottagisio Sport Center e Canoa Club Verona che hanno messo a disposizione i loro spazi per l’organizzazione della manifestazione. Un sentito ringraziamento anche a SportdiPiù, media partner dell’evento, e a UISP Verona, Progetto Quid, Airone, Scattodamamma, Atleticamente Foto, Redoro, MB Sport, Gruppo Podistico Gargagnago.

Share:

Articoli correlati

Un nuovo progetto per le donne

Questo 2022 è iniziato sotto il segno delle novità. Sono tante le cose che abbiamo guardato con occhi nuovi e a cui abbiamo cercato di