fbpx
a

Aperiri vivendum has in. Eu fabellas deseruisse mea, hinc solum tractatos vim ad, ut quem voluptua nam. Ei graeci oblique perci.

Recent Posts

    Sorry, no posts matched your criteria.

Se ce l’ho fatta io: racconti di viaggio in bicicletta

Che bel viaggio la nostra ultima diretta di martedì 20 settembre. Nel vero e proprio senso della parola! Il viaggio è stato infatti al centro di una intensa chiacchierata in compagnia di Anna, fondatrice di Ciclabiliamo e di Monica, in arte “Se ce l’ho fatta io”. Con loro abbiamo esplorato un modo particolare di vedere il mondo: in sella a una bicicletta. Anna gira in lungo e in largo l’Europa alla scoperta di nuovi percorsi e piste ciclabili da testare, perdendosi fra i meravigliosi scorci che dalla Sicilia l’hanno portata fino in Olanda. 15 anni di peregrinazioni insieme alla sua fidata due ruote e a un compagno di avventura con cui condivide le giornate di sole e quelle di pioggia, con lo stesso identico sorriso.

Anche Monica viaggia in bici. Per i suoi 60 anni, compiuti proprio quest’anno, ha scelto di regalarsi 60 giorni in solitaria da Milano alla Scozia e ritorno. Non è un’atleta, né una persona alla ricerca di esperienze estreme. Semplicemente ha deciso di uscire dalla sua zona di comfort e di affrontare una nuova esperienza che le ha regalato tante emozioni e una nuova consapevolezza di sé. Nel suo blog “Se ce l’ho fatta io” racconta giorno dopo giorno gioie, incontri, posti e anche piccoli incidenti di percorso. Come quando è caduta e si è fatta male a una mano, cosa che per qualche giorno le ha reso difficile proseguire nel suo viaggio.

Quello che impariamo da Anna e Monica è che non serve essere super sportive o allenate per affrontare un viaggio in bicicletta. Né servono particolari attrezzature o mezzi ultramoderni. Alla base di tutto c’è lo spirito d’intraprendenza, la voglia di esplorare il mondo e, in fondo, anche di guardarsi un po’ dentro, imparando a stare con se stessi. Per chi non ci ha mai provato, può bastare un weekend per iniziare a scoprire questa nuova modalità di viaggiare e per testarsi. Come spesso accade, gli ostacoli sono innanzitutto nella nostra testa: pensieri come “non l’ho mai fatto prima, non so se ce la farò, poi chissà come faccio se mi succede qualcosa per strada…” sono leciti e si presentano ogni volta che dobbiamo affrontare una situazione nuova.

Come dice Monica, fatto il primo passo, anzi la prima pedalata, le cose vanno da sé e l’ansia evapora. Si tratta solo di partire. Quello che si scopre durante il viaggio è che, a meno di non andare proprio a cercarseli o di viaggiare in posti particolarmente difficili e lontani dal mondo moderno, non ci sono pericoli, neanche per una donna sola. Al contrario, è molto facile che scatti una certa empatia verso il viaggiatore in solitaria. Le persone si rendono disponibili a offrire informazioni, aiutare, ospitare e chiacchierare molto più di quanto non succeda quando ci si muove in compagnia. Si ha così modo di conoscere davvero i luoghi e le persone che li popolano e di sentirsi in qualche modo protetti.

Fra una chiacchiera e l’altra non sono mancati consigli pratici preziosi sull’attrezzatura da portare, il bagaglio ideale, i mezzi di trasporto alternativi da usare per spostamenti intermedi, ma sempre con la bici al seguito. Nei racconti rassicuranti di Anna e Monica abbiamo riscoperto la voglia di provare una nuova esperienza, che sa di libertà e vita all’aria aperta.