fbpx
a

Aperiri vivendum has in. Eu fabellas deseruisse mea, hinc solum tractatos vim ad, ut quem voluptua nam. Ei graeci oblique perci.

Recent Posts

    Sorry, no posts matched your criteria.

5 + 1 regali per l’8 marzo ai tempi del Corona Virus

Volerci bene (e parlo alle donne) dovrebbe essere il nostro primo pensiero, ma la realtà è ben diversa. La società in cui siamo cresciute, l’educazione ricevuta, le storie alla “Cenerentola” che ci hanno raccontato fin da piccole ci hanno convinte che pensare a noi stesse sia segno di egoismo. Personalmente ho sempre avuto il pallino di dedicarmi agli altri. Negli anni, anche grazie alla lettura di libri e alla partecipazione a corsi di crescita personale, ho capito che per essere di aiuto agli altri devo prima sapermi prendere cura di me stessa.

A volte per aiutare gli altri dobbiamo prima aiutare noi stessi.
Stevie Ray Vaughan

È stato un percorso tutt’altro che facile. Non sono mancate le salite, i momenti di sconforto, il buio e la solitudine. Ma un’immagine mi ha aiutato più di tutto: avete presente quando in aereo hostess e steward ci mostrano le misure sicurezza da adottare in caso di emergenza? Quando ci dicono che è fondamentale indossare la maschera d’ossigeno per primi, anche se viaggiamo con dei bambini? Ci ho riflettuto parecchio e mi sono convinta di una cosa: noi donne vogliamo occuparci di tutto al punto da non respirare quasi più. Se poi siamo anche mamme, il carico emotivo aumenta in modo sproporzionato. E qui arriviamo al sodo perché se ci manca l’ossigeno come possiamo aiutare gli altri?

Verrà il giorno in cui gli alberi capiranno che è sbagliato dare ossigeno proprio a tutti.
(Anonimo)

Lo so, facile a dirsi meno a farsi. Come faccio a pensare a me stessa con tutto quello di cui mi devo occupare e ricordare? Ora io una risposta non ce l’ho ma mi sento di suggerire alcuni piccoli gesti che mi hanno portato a fare grandi cambiamenti.

1. Impara a dire di No.

Dire no, mette in luce i nostri bisogni e fa capire agli altri che siamo persone diverse con specifiche esigenze da considerare e rispettare. Non possiamo piacere a tutti e non possiamo occuparci di tutto. Ora come ora anche il corona virus può essere un’ottima scusa per iniziare a pensare così.

2. Prenditi cura della tua salute.

La nostra perenne corsa contro il tempo ci impedisce di prenderci cura di noi, ad esempio andando dal medico per fare prevenzione. Continuiamo a rimandare perché c’è sempre qualcosa di più importante, mentre è proprio in questi casi che il tempismo è tutto. Quindi non aspettare e prenditi un attimo per prenotare analisi o check-up che ti aiutino a vivere in salute.

3. Prenditi cura del tuo corpo.

Non mi riferisco solo all’aspetto fisico, ma a una coccola necessaria: un massaggio, qualche ora in un centro benessere, una lezione di yoga. Rilassarsi fa vedere le cose in maniera differente, ridimensiona i problemi, migliora le relazioni e lo stato di salute. Impara qualche nuova ricetta più salutare per il tuo corpo.

4. Lascia andare le persone negative.

Si chiamano persone tossiche e sono quelle che non ti fanno stare bene. Ogni volta che passi del tempo con loro fanno precipitare il tuo umore o ti fanno arrabbiare e senti che ti succhiano l’energia. È tempo di fare pulizia e di allontanarle. Anche in questo l’isolamento forzato di questi giorni può essere di aiuto, perché ci offre un’ottima scusa per prendere le distanze.

5. Prenditi cura della tua mente.

Non smettere mai di imparare. Regalati un libro, un’esperienza formativa, approfondisci i tuoi interessi, insegui i tuoi sogni e le tue ambizioni lavorative, frequenta persone stimolanti. Siamo restii al cambiamento, ma sono proprio i momenti impegnativi come quello che stiamo vivendo a spingerci ad uscire dalla nostra zona di comfort. Cogliere la sfida significa crescere.

5+1 Metti le Ali

Essere una Angel mi ha cambiato la vita! Grazie ad Angels in Run (la mia palestra di vita) ho potuto fare nuove amicizie, condividere passioni, raggiungere obiettivi insieme ad altri e  scoprire il territorio in cui vivo. Qui ho trovato sostegno e un luogo dove posso saziare la mia voglia di condivisione e il mio desiderio di aiutare gli altri. Non sono stati solo momenti belli, ma da quelli più difficili ho imparato molto. Come lo spirito di gruppo e l’importanza di fare squadra, fondamentali per tutti e in particolare per chi vuole dare una svolta alla propria vita o uscire da situazioni che non merita. L’8 marzo è tutti i giorni, ma questa domenica può essere un’occasione per partire.

 

Scritto da Anna Marostica