a

Aperiri vivendum has in. Eu fabellas deseruisse mea, hinc solum tractatos vim ad, ut quem voluptua nam. Ei graeci oblique perci.

Recent Posts

    Sorry, no posts matched your criteria.

Esplorare Verona con l’Urban Trail

Ci sono molti modi per scoprire Verona, la nostra bella città attraversata dall’Adige, conosciuta al mondo per essere scenario delle vicende narrate da William Shakespeare. Una città ricca di storia e di scorci romantici, tutta da esplorare. Noi abbiamo scelto di immergerci nella sua atmosfera unica con un appuntamento mensile, l’Urban Trail, nato quasi per gioco e al quale non sappiamo più rinunciare. Anche per la compagnia di due personaggi davvero speciali: Leonino Lorenzi, in arte Leo e 4×4 Calzini, sua fedele amico a quattro zampe.

Leo perché ti piace così tanto l’Urban Trail?

L’Urban Trail è stata un’intuizione brillante di Anna Marostica, che qualche anno fa ha pensato di organizzare qualcosa di diverso per ritrovarsi a correre in compagnia e coinvolgendoci fin da subito. L’idea ha prima contagiato noi e poi via via sempre più persone.

C’è chi corre su strada, chi fuoristrada e chi, volendo unire il bello di queste due attività sportive, sceglie di unirsi a noi una volta la mese.

Lo spirito che si crea tra i partecipanti è di leggerezza e divertimento, mentre si attraversa in lungo e in largo la nostra splendida Verona. Per me personalmente è un grande piacere partecipare a questi ritrovi. E’ un’occasione per conoscere gente nuova e stringere amicizie, facendo sport e osservando la città, che a volte si rivela in modo del tutto inaspettato.

Parlaci di 4×4 Calzini

E’ un fedele amico che da 7 anni, praticamente fin da quando era giovanissimo, mi segue nelle mie scorribande su strada e soprattutto fuoristrada. Oggi ha 8 anni e mezzo e inizia un po’ a rallentare ma ne ha viste di strade, boschi, pietre, ruscelli e montagne percorrendole ed annusandole con grande piacere. Per capire quanto si diverta ogni volta. Basta vedere l’entusiasmo che mostra prima della partenza dell’Urban Trail. Appena mi vede preparare la borsa raddrizza subito le orecchie e osserva ogni mio movimento per assicurarsi che non lo lasci a casa.

I suoi terreni preferiti sono indubbiamente i boschi e gli ambienti naturali dove può godere al massimo degli spazi liberi, senza rischio di correre pericoli.

Anna perché consiglieresti l’Urban Trail?

Quando ho avuto l’idea stavo cercando qualcosa di diverso, ma non troppo impegnativo, per avvicinare le persone al trail. Io lo adoro perché permette di scoprire tanti angoli nascosti di Verona, di sorvolarla e ammirarla dall’alto delle Torricelle e delle sue colline. Ha riscosso grande successo ed è una bella opportunità per divertirsi e conoscere persone nuove. Spesso dopo la corsa organizziamo un “rinfresco” fai da te. Ognuno porta qualcosa, chi da mangiare, chi da bere e la serata si chiude in bellezza. Il percorso è lungo più o meno 15 km con un dislivello di circa 400 metri. Non servono allenamenti speciali, solo un po’ di resistenza in salita. Non mancano le pause per tirare fiato e scattare qualche foto.

Segui la nostra pagina per conoscere tutti gli appuntamenti Urban Trail, 12 incontri per 12 mesi, anche in pieno inverno. Perché la città cambia colori, profumi e atmosfera in ogni stagione.